Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.

Come controllare la pressione dei pneumatici

Abituiamoci a controllare personalmente i nostri pneumatici almeno una volta al trimestre, girando intorno all’auto e ispezionando da vicino fianchi e battistrada. Approfittiamone per togliere, con un cacciavite, sassolini, pezzi di vetro e altri corpi estranei che si sono incastrati nel battistrada. Eventuali lesioni, tagli, rigonfiamenti sui fianchi o sul battistrada richiedono la sostituzione immediata del pneumatico. Il controllo della pressione va fatto a freddo (dopo che l’auto è rimasta ferma almeno un’ora) e sempre prima di lunghi viaggi. Nel caso di un controllo d’emergenza a caldo (lo pneumatico si riscalda quando gira) dobbiamo aumentare la pressione di 0,3 bar. Pressioni insufficienti causano surriscaldamenti, forte perdita di stabilità dell’auto, consumi rapidi e irregolari del battistrada, aumento del consumo del carburante.

Consumi irregolari della gomma possono essere causati da imperfetta equilibratura delle ruote, irregolarità del sistema frenante, inefficienza delle sospensioni o il sistema di avantreno fuori geometria (occorre in quest’ultimo caso andare dal gommista e far rivedere la convergenza), invecchiando la gomma dei pneumatici perde la capacità di aderenza, si dice in gergo che tende a vetrificare. Per mantenere le condizioni ottimali di guida è opportuno montare quattro pneumatici uguali, con il medesimo tasso di usura. E’, in ogni caso, concesso l’impiego di due coppie di pneumatici di tipo diverso purché omologati per il modello d’auto e montati a coppie: due pneumatici anteriori uguali e due posteriori uguali. Mi raccomando, non aspettiamo di consumare eccessivamente gli pneumatici prima di sostituirli: è prudente cambiarli prima di arrivare al limite minimo di 1,6 mm di spessore del battistrada, consentito dal codice della strada: quando scende sotto i 3 mm l’aderenza all’asfalto bagnato si riduce decisamente per il fenomeno di aquaplaning: la ruota cioè comincia a planare, sollevandosi dalla strada. Ricordiamoci che il fenomeno è più pronunciato con le ruote di sezione larga.